Newsletter di Giugno 2017

– Newsletter di Giugno 2017 –

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO

LA CONNESSIONE TRA TUTELA DELLA SICUREZZA E ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO

L’agenzia Europea per la Salute e la Sicurezza sul lavoro (EU-OSHA) ha evidenziato come i soggetti con rapporti di lavoro flessibili e destinati a svolgere una prestazione lavorativa temporanea siano soggetti a frequenti variazioni di ambiente lavorativo e di condizioni di lavoro, con frequente mutamento di mansioni e maggiori difficoltà, rispetto a lavoratori con rapporti di lavoro meno discontinui, ad adottare procedure e buone prassi per minimizzare e prevenire rischi correlati al lavoro.

Le scarse tutele per i lavoratori flessibili, della normativa italiana e delle azioni per la tutelare la sicurezza e il benessere in una prospettiva organizzativa, hanno un impatto negativo proprio rispetto al tema della tutela della salute fisica e psicosociale del lavoratore.

CONOSCERE E AFFRONTARE NELLE AZIENDE LO STRESS LAVORO CORRELATO

Stress Lavoro

Scadenze, ritardi, pressioni dei capi, screzi con colleghi possono portare a quello che viene definito stress da lavoro: pressione, agitazione, ansia da prestazione sono alcune delle sanzioni spiacevoli che possono manifestarsi nella vita quotidiana di un lavoratore. Lo stress è una risposta aspecifica dell’organismo ad una qualsiasi richiesta proveniente dall’ambiente. La persona risponde prima con una fase di allarme, caratterizzata da tachicardia e ipertensione (attacca o fuggi), successivamente con una fase di resistenza in cui la persona cerca di far fronte agli stimoli negativi, fino alla comparsa di una frase di esaurimento nella quale l’individuo perde la capacità di far fronte agli eventi stressogeni e possono comparire le patologie correlate.

AMBIENTE E SICUREZZA

ISO 14001:2015

 

Il nuovo standard continua ad aiutare le organizzazioni. permettendo loro di mantenersi aggiornate nel campo della gestione ambientale, aiutandole a ridurre gli sprechi, risparmiare energia e proteggere la loro reputazione. I princiapli cambiamenti sono:

  • Maggiore attenzione a temi quali la trasparenza e la responsabilità in materia di gestione e prestazioni.
  • Allineamento tra prestazioni ambientali e direzione strategica dell’organizzazione.
  • Maggiore livello di dettaglio sugli obiettivi ambientali.
  • Integrazione del sistema di gestione ambientale nei processi organizzativi.
  • Maggiore importanza data alla leadership e alla comunicazione.

FORMAZIONE

LA SANZIONABILITA’ DELLA MANCATA INFORMAZIONE E FORMAZIONE

RSPP e Consulenza

Dopo un attento esame della evoluzione normativa in materia di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro culminata nel D. Lgs. n. 81/2008 e s.m.i.  attualmente vigente, ha rivista la sua posizione assunta fin dal 2014 in merito alla sanzionabilità dell’obbligo posto a carico del datore di lavoro di informare, formare e addestrare i lavoratori dipendenti ai sensi dell’art. 18 comma 1 lettera i) dello stesso D. Lgs. n. 81/2008 arrivando alla conclusione che in materia di prevenzione degli infortuni la condotta del datore di lavoro che non adempia agli obblighi di formazione e informazione dei lavoratori rientra tra le disposizioni la cui violazione è presidiata da sanzione penale ai sensi dell’art. 55 comma 5 lett. c) del D. Lgs. 81/2008.

Fad Form 2012
FORMAZIONE ON-LINE
Vieni a scoprire i nostri corsi di formazione a distanza
Clicca sull’immagine!
IN COLLABORAZIONE CON DADSOFT!
Vieni a scoprire maggior informazioni
Clicca sull’immagine!