Risposte dal Ministero del Lavoro agli interpelli (D.Lgs.81/08): sanzioni per l’omessa vidimazione e tenuta del registro degli infortuni

Principali indicazioni:
  • è ancora cogente l’obbligo di tenuta del registro infortuni.
  • Il registro infortuni deve essere vidimato presso gli uffici pertinenti dell’ASLRegistro infortuni competente per territorio, salvo che nelle Regioni che hanno abolito questa prassi, conservandolo a disposizione dell’organo di vigilanza sul luogo di lavoro (non può essere tenuto dal Commercialista o dal Consulente del lavoro presso il proprio ufficio, anche se presso tale ufficio ha sede legale l’impresa titolare del registro infortuni).
  • La mancata tenuta o vidimazione (ove prevista) del registro degli infortuni comporta per il Datore di Lavoro che non ottempera alle prescrizioni descritte incorre nella sanzione amministrativa prevista dall’art. 89 comma 3 (ancora applicabile) del D.Lgs. 626/94 (da un minimo di € 516 a un massimo di € 3.098, sanzione questa, elevata dall’art 1, comma 1177, della Legge 296/2006 (Legge Finanziaria) da € 2.580 a € 15.490).

Per ulteriori informazioni contattaci – clicca qui